Gen 01

I Portieri e gli errori di valutazione

I dati emersi dall’analisi della partita giocata da Gabriele sono in linea con i dati statistici ottenuti da Borri (dottore in scienze motorie) nella sua tesi di laurea, dove ha analizzato 50 gare del campionato italiano 2007-2008, con monitoraggio dei gesti tecnici compiuti in 100 prestazioni e pubblicate nel libro IL SENSO DELLA PARATA E ED IL GESTO GIUSTO di Andrea Castellani e Giorgio Rocca (edizioni Calzetti-Marcucci, 2011). A pagina 12 del libro: “da questa analisi si evince che in media un portiere svolge dai 19 ai 20 interventi in partita, dove in media 11-12 interventi sono riprese del gioco, 2-3 le uscite, 5-6 le parate”.
In pratica gli stessi numeri. Con l’interessato parlerò in maniera più specifica della sua prestazione analizzando soprattutto i punti da migliorare (difficilmente rilevo gli aspetti positivi della prestazione) ma non in questa sede troppo pubblica. Mi interessa ora cercare di dare una spiegazione ad un comportamento del portiere che subisce una rete senza intervenire, subendo passivamente la situazione: anche in serie A non è insolito vedere certi atteggiamenti, penso per esempio a Viviano. Perché questi errori di valutazione e di scelta dell’intervento sono frequenti? Continua a leggere